Home   Giocare con Munari   Beba   Il Lab   Proposte  Mostre Lab   Gioco Arte   Libri   Chi è BM  Video  Bibliografia   Press   Eventi        

 
 

 

 

Un incontro illuminante


La storia del mio Laboratorio inizia con l’incontro-scoperta di Bruno Munari e del suo “fare concreto”. Mi hanno conquistata il suo approccio al mondo dei bambini e le sue azioni-gioco; il suo mostrare come si fa,  senza tante spiegazioni, per incuriosirli e invogliarli.

                                 
                             

 

Una meravigliosa avventura che inizia insieme a Bruno Munari a fine anni Settanta!

Per molti anni abbiamo inaugurato le attività con la bella iniziativa “Giocare con Munari”, cui ho dedicato una pagina specifica.

 "Che cosa si può fare con un foglio di carta e una puntatrice?"

 

Nascita del Laboratorio

Il primo Laboratorio è nato a Monza, l’ho fondato insieme a Maria Luisa Grimani nel 1978; poco dopo ho aperto una “succursale” a Milano, in casa, e nel 1986 mi sono trasferita nella sede attuale di via Bonaventura Cavalieri 6.

 

Inaugurazione del Laboratorio milanese con una mostra didattica dei lavori dei bambini

 

                           

 

Il Laboratorio si presenta

 

Questo bel pieghevole è un progetto di Munari: la caratterizzazione grafica del bordo a pallini neri è stata poi ripresa da altri... e a questo proposito Bruno osservava: “se una cosa viene copiata vuol dire che piace molto!”

Programma attività 1989-1990

clicca per ingrandire

 

Inizialmente i corsi sono rivolti ai bambini da sei a dieci anni e gli argomenti presentati riguardano le tecniche base della Comunicazione visiva. In seguito vengono proposti dei corsi di aggiornamento sulle metodologie didattiche di Munari e alcuni corsi per adulti: “alla scoperta del piacere di fare e capire facendo”

Il colore variava ogni anno, diventandone il leitmotiv, compreso il buffet per la mostra di fine anno!

 

clicca per ingrandire

 

 

Le proposte del Laboratorio

Dopo le esperienze con Munari nei laboratori tattili ho voluto promuovere una Educazione al tatto rivolta ai bambini della scuola dell’infanzia. Nel 1988 si inaugura l’anno con il Bosco tattile, si sperimenta a lungo, finché nel 1991 si propone ai piccoli un Corso multisensoriale cui si affiancano due nuovi corsi: il Gioco dell’arte e Disegnare la natura dedicato ai ragazzi più grandicelli.

 

Programma attività 1991-1992

clicca per ingrandire

 

Nel 1993 nascono due nuovi corsi: Giocare con le parole, rivolto ai ragazzi dagli otto ai dodici anni, e Giochiamo insieme dedicato ai piccolissimi e a mamme nonne, zie... L’attenzione del Laboratorio, d’ora in poi, si rivolge a bambini, ragazzi e formazione. Si lasciano i corsi dedicati agli adulti che tanto hanno contribuito alla mia formazione.

 

Programma attività 1996-1997

clicca per ingrandire

Per le proposte recenti visita la pagina "proposte"

Dopo numerosi anni di ricerche, sperimentazioni e approfondimenti in Laboratorio, nascono i progetti Materie, Scritture, Libri e Natura, in seguito proposti alla Fondazione Bandera per l’Arte dove ho attivato, in collaborazione con Michela Dezzani, un laboratorio permanente dal 1998 al 2005. Attività ed esperienze che ho raccontato nei miei libri, pertanto non mi dilungo nel descrivere i programmi.

 

Dai temi “classici” di Bruno Munari alle mie ricerche personali

 

Vorrei invece soffermarmi su alcuni laboratori che ho ideato, seguendo i principi fondamentali del metodo, come per es: il Bosco tattile, il Labirinto tattile il Laboratorio bianco, i Giardini secchi, Ikebana, Come è fatto un fiore, Una foglia, un albero, un bosco, per citarne alcuni.

 

 

Bosco tattile al Lab, 1988: E’ piaciuto molto a Munari, tanto da voler inserire alcune foto nel suo libro Codice Ovvio.

 

 

 

 

Labirinto tattile. Si sperimenta prima al Lab e poi si propone altrove: eccoci all’Umanitaria dove adulti e bambini giocano insieme, 1994

 

 

     

 
     
 
     
   

 

 

Laboratorio bianco. Indimenticabile l'esperienza con i partecipanti al corso di aggiornamento a Faenza nel Laboratorio "Giocare con l'Arte" del Museo Internazionale delle Ceramiche (1994). E poi l'allestimento della "merenda bianca" nel Teatro Ducale di Parma.

 

 

Quanti strumenti e quanti segni diversi!

 

 

Carte manipolate e ritagliate per l'allestimento della merenda.

 

 

Giardini secchi, nato dopo la visita al giardino Zen di Ryoan-ji a Kyoto insieme a Munari. E a Mantova, ricordo il bel allestimento curato dalla libreria che lo ha promosso e l’entusiasmo e la concentrazione dei bambini, quasi fossimo per davvero all’interno di un tempio orientale...

 

   

   

         
   

Giardini secchi portatili e antiche città nel deserto

   

 

Ikebana, nato dalla mia passione per i fiori e l’Oriente, lo esperimento al Lab (1989), e poi, con Bruno e i suoi suggerimenti, il magnifico “Giocare con Munari”, 1990.

 

               
                   
               
                   
              Il Metodo Bruno Munari® in azione: Ikebana e Frottage con Beba Restelli Un mondo di cose, Junior TV, 1990  https://youtu.be/x8AtbE1oKr0  
                   

Come è fatto un fiore, nato “per caso” al Lab mentre i bambini esploravano i fiori... è bastato cogliere quanto stavano facendo loro e trasformare la proposta di attività che avevo in mente io...

 

   

 

       

      

             
   

   

 

 

Laboratorio presso lo showroom Green Wise Milano in occasione di Brera Design Days 2019. Photo Riccardo Dogana.

 

Una foglia, un albero, un bosco. Una foglia, se ben osservata, ci dice molte cose, mettiamole in relazione e scopriremo un bosco...

 

 

 

 

           
     

Un albero o una foglia di cavolo?

 

Ma non lasciamola tutta sola...

           
   

 

                       Un bosco di foglie...

 

                              

E Fare libri, un tema su cui ho lavorato a lungo: da quelli sagomati a quelli per volare, dai libri da tessere ai libri golosi, ai libri delle macchie e così via.

 

 
"Libri per volare", ovvero un libro può comunicare la leggerezza? Si comincia con un'azione-gioco e si conclude, dopo la riflessione e la ricerca del titolo, con la presentazione del libro.
 

      

 

I bambini presentano i loro lavori, anche i timidi ...

 

 

 

         

Libri specchio

 

Il libro nasce nella piega, anche asimmetrica...

 

 

         

 

 

         

Libri illeggibili in scatola

 

Libro illeggibile sagomato

 

Libri da tessere

 

 

 

 

 

   

Libro per tutti i sensi

Il mio primo libro

 

 

 

In particolare il libro Il gioco di Alfa e Beta. Tra segni e scritture secondo il Metodo Bruno Munari® è frutto di una mia ricerca e passione personale, sviluppatasi accanto alle riflessioni e alle opere di Marisa Grimani, e di molti anni di esperienze e scoperte, a partire dagli insegnamenti di Munari e dall’approfondimento della tecnica sul segno.

pagina in aggiornamento